stile di casa
Post

stile di casa: come scegliere quello giusto per te

sei su internet da giorni a catalogare immagini per scegliere lo stile per la tua casa?

riapri la galleria per fare il punto della situazione e ti ritrovi in sequenza:

– la foto di un divano minimalista in un open space con cemento a vista;

– un’altra con lo specchio argento con le arricciature;

– una credenza shabby che fa tanto “la casa nella prateria”;

ottimo! aggiungi un pizzico di delusione, perchè sei partito con l’idea di sapere esattamente che stile di casa scegliere, e voilà sei nel posto giusto!

In questo articolo cercherò onestamente di indirizzarti verso il tuo stile, a filtrare le immagini, eliminando gli effetti speciali che tanto ci colpiscono nelle foto, riportando nella realtà di casa tua quello stile e quegli arredi.

E’ un’operazione un pochino laboriosa all’inizio, ma ti servirà per scegliere finalmente la pittura, gli arredi, l’illuminazione, e sbloccare la ristrutturazione.

Ovviamente capire questi aspetti è il mio lavoro, quindi inutile dire che se vuoi semplificarti la vita dovresti incaricare un progettista per definire al meglio il tuo stile, e a quel punto farti guidare in modo fluido e confortevole, eliminando lo stress da ristrutturazione (che sarà già molto, senza questa parte)

prenota qui la tua consulenza online, ti guiderò alle aziende e agli arredi che fanno al caso tuo https://www.alessandrasacripante.it/prenota-la-tua-consulenza/

Studia le immagini che hai selezionato e il loro stile

Per prima cosa quando guardi un’immagine dal web, cerca di capire la grandezza degli spazi, magari da una porta, generalmente 80/90 cm di larghezza per 2,20 metri di altezza; oppure dalla cucina, profonda 60 cm;

cerca di capire da queste misure standard, l’altezza e la lunghezza degli ambienti che stai guardando.

Se vivi in un monolocale di 50 mq o in un appartamento di 80 mq con soggiorno di 25 mq non puoi pensare di arredarlo come la foto che hai visto.

Trovo molto utile questo articolo per dare una dimensione a qualsiasi oggetto elledecor

Facendo qualche calcolo ti sarai accorto che nella maggior parte dei casi parliamo di ambienti enormi e sconfinati, perlopiù render.

Cerca di guardare quante finestre ci sono in quell’ambiente che ti piace, e pensa quante ne hai tu; guarda la posizione del tavolo da pranzo, magari davanti ad una finestra, e vedi se puoi riproporre la stessa spazialità;

Una delle cose più importanti è la proporzione: devi capire quanto spazio ti rimane tra il divano e la tv, prendi ad esempio questo schema e fai i tuoi conti.

Arrivato a questo punto ti sei reso conto che il tuo soggiorno entra 4 volte in quello della foto che hai visto.

Quindi devo cambiare idea sullo stile che mi piace? assolutamente no, ma devi studiare al meglio i materiali che compongono quello stile, sceglierne al massimo 3 e riproporli nel tuo ambiente, con dimensioni ridotte.

Non raccontarti bugie, sii onesto sullo stile di casa che ti piace non pensare alle mode

Scegliere lo stile di casa è un po’ come scegliere l’abito per il matrimonio, ce ne sono tanti che ti piacciono e ti stanno anche bene, ma quando arriva quello giusto ti calza alla perfezione e soprattutto, lo senti tuo, ti appartiene, in qualche modo pensi che sia stato fatto solo per te;

è questo il sentimento che dovresti provare di fronte allo stile che fa per te.

Non preoccuparti se non è in linea con i progetti ultra moderni che vedi oggi nelle riviste, o magari non lo è del tutto:

stile di casa
1_studia l’immagine

Quindi mettiti comodo, prendi le immagini che hai salvato e Concentrati su cosa non ti piace, fai una profonda selezione con tutti gli imput che ti ho dato.

Farò una breve carrellata degli stili che esistono e che in qualche modo sono stati coniati con qualche nome ad hoc:

Stile di casa MINIMALISTA – CONTEMPORANEO

E’ un’eleganza senza tempo, semplice nelle linee, nei colori e nelle forme, generalmente predomina il bianco ed i colori chiari.

Si tende ad uniformare gli ambienti in verticale e si spezza con gli arredi per inserire punti di colore molto piacevoli.

In generale si tende ad utilizzare tonalità in palette, ma non sono rari i casi in cui pochi oggetti di design, ben selezionati, emergono per i loro colori sgargianti.

stile contemporaneo minimal
stile contemporaneo

Stile di casa INDUSTRIALE

Nasce come emblema del riutilizzo degli spazi industriali dismessi, quindi tanti elementi che distinguono lo stile sono elementi strutturali legati all’ambiente.

E’ caratterizzato dalla presenza di tubaturepilastri di cemento, finestre industriali molto grosse, mattoni a vista e muri scrostati.

INDUSTRIAL STYLE
STILE INDUSTRIALE

Le case industrial tendono ad avere spazi molto ampi o open space ed è molto importante la selezione di materiali e arredi per completare lo stile. Il metallo ed il cemento a vista saranno i protagonisti di questo stile

Stile di casa SHABBY CHIC

Lo stile, “trasandato elegante” ricorda l’architettura provenzale che richiama le romantiche campagne francesi, con i suoi colori tenui che spaziano dall’avorio, al beige, al rosa antico;

il bianco la fa da padrone, specialmente il legno sbiancato con il tipico effetto consumato a dimostrazione della stratigrafia del tempo, uno stile vissuto ma allo stesso tempo elegante, raffinato grazie a pizzi e merletti che richiamano la tradizione francese;

il lino largamente utilizzato in questo stile, rende gli ambienti molto accoglienti.

shabby chic style
stile shabby chic


Lo stile country con i suoi colori accessi e le fantasie scozzesi nei toni del rosso, blu e verdone, l’atmosfera calda del camino acceso, divani con grandi cuscini, lampade che diffondono luce soffusa e rilassante.

Stile di casa BOHO CHIC

stile di casa
Boho chic

E’ un mix di due stili, viene dalla bohémienne francese, quindi il popolo di artisti di strada di cui il celebre film il moulin rouge è portavoce, legato al termine chic.

In effetti si può definire caotico e allo stesso tempo ordinato elegantemente; diciamo che un artista potrebbe trovare qui il suo ordine mentale!

È uno stile che prevede molti colori, tessuti e tendaggi, cuscini di diverse colorazioni, tappeti, mobili di diverse epoche che quasi ricordano l’etnico.

Tutto legato insieme da una connotazione vagamente elegante, data dalla forma di un divano piuttosto che dal pregio dei tessuti.

Stile di casa CLASSICO – MODERNO

Più che uno stile proveniente da una qualche storia, in questo caso rientrano tutti quelli che non vogliono cedere completamente al moderno ma allo stesso tempo non vogliono restare intrappolati nel classico più assoluto.

Qui abbiamo sconfinate idee di arredamento, in realtà si possono inserire sia mobili antichi e moderni insieme nello stesso ambiente, creando ambientazioni molto suggestive

stile classico moderno
Classico Moderno

Oppure si può scegliere un arredamento completamente moderno ma corredato completamente da una boiserie bianca sulle pareti che crea effetti meravigliosi;

l’eleganza è ovviamente la parola chiave di questo stile.

Stile RUSTICO

Credo che non facciate fatica ad immaginare questo stile di casa.

Ci sono però vari livelli di rusticità, si spazia dai mobili antichi, cimeli di case di campagna, oggetti che si utilizzavano per i lavori nei campi e per gli animali che vengono esposti in bella vista al centro di un ampio salone;

oppure ci sono livelli più soft, in cui lo stile rustico ricorda le case di campagna sulla scia delle cucine dei romanzi di Virginia Woolf. Magari mobili con ante con bugna, colorate con colori pastello.

cucina rustica
Cucina stile rustico

Stile NORDICO – SCANDINAVO

Questo è per eccellenza lo stile che sta andando per la maggiore sulle riviste e nell’immaginario collettivo quando si pensa ad una ristrutturazione, siete molto attratti dallo stile nordico, credo per il largo utilizzo del bianco, inserito però in un contesto che risulta estremamente caldo ed accogliente;

stile nordico
soggiorno in stile nordico

per il design nordico la forma rigorosamente segue la funzione, quindi la parola d’ordine è semplicità! gli arredi hanno forme lineari senza decorazioni, il legno viene sempre utilizzato al naturale.

Nei paesi scandinavi il clima è rigido e la luce è scarsa motivo per cui si utilizza molto il bianco, gli arredi essenziali, i tessuti grezzi, che insieme donano un’eleganza ed un’accoglienza unica agli ambienti.

Architetto• Interior designer• Laureata al Politecnico di Milano in architettura, ho lavorato per studi di progettazione tra Milano e Roma. Nel 2017 ho aperto il mio studio a Monterotondo (RM); nel 2019 ho iniziato a produrre articoli per il mio blog in cui si discute di vari temi di architettura, arredamento, illuminazione e tutto ciò che ruota intorno alla progettazione. Educare all'architettura, attraverso consigli e consulenze che possano esservi davvero utili a realizzare un progetto d'arredo per la vostra casa, è lo scopo che vorrei raggiungere con la sezione •I consigli pratici• all'interno del mio blog!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.